KL from the 18th - a philippine-italian brew…


Dell’isola - About the isle

Un tipico triciclo - A typical tricycle

Sono sicuro che la gran parte di voi non sa come sia fatta Boracay, cosa ci sia sopra, quindi questo post vi sarà utile. Prima di tutto l’isola è piuttosto piccola, in molte cartine geografiche delle Filippine non è neanche riportata, c’è solo il nome.

Una volta sbarcati con una delle tipiche barche della zona, si vede che le strade non sono più larghe di due metri. Risultato: a Boracay non ho visto macchine, solo i tricicli e i minivan dei resort che portano gli ospiti qua e là. Molte case sono ancora fatte di legno e paglia, e la gente conduce una vita molto modesta. Ciononostante, tutti hanno un’aria felice, le persone sono sempre molto cortesi ed amichevoli.

Il centro nevralgico dell’isola si chiama d*mall (il centro commerciale), ma non ha per niente l’aspetto dei mostruosi e alienanti centri commerciali a cui tutti siete abituati; infatti un assetto del genere mi fa pensare più a un bazar che ad un centro commerciale. Comunque, attraversata questa piccola zona, si arriva sulla spiaggia principale di Boracay, divisa in stazione 1, 2 e 3. In alta stagione sono molto frequentate, e se si vuole un po’ d’ombra si deve 1) pernottare in un resort sulla spiaggia (costosi) ed usufruire delle attrezzature, oppure 2) usufruire dei lettini dei resort consumando bevande e pietanze, ma visto che i lettini sono pochi se arriva un residente bisogna sloggiare. Questo ha in parte contribuito alla mia bruciatura, perché dopo che abbiamo dovuto andarcene dal Discovery Shores Resort abbiamo camminato per tutta la spiaggia, solo 20 minuti ma sommati agli altri 20 di bagno si sono fatti sentire, nonostante la crema protettiva.

Le attività diurne sono molteplici: snorkeling, scuba diving, parasailing, moto e sci d’acqua, giri in catamarano, massaggi vari, equitazione e chi più ne ha più ne metta. Per questo camminando lungo la spiaggia si viene continuamente interrotti da promotori delle varie attività che, a differenza di altri paesi dove si urla per richiamare clienti, ti approcciano come se volessero venderti una dose di eroina…

Il momento migliore di godersi la spiaggia è ovviamente il tramonto: le barche, i bambini che giocano, i paracaduti, tutto diventa ombre che solcano il cielo rosso e disturbano il scintillio che si forma sul mare, finché l’oscurità non prevale. A questo punto, girandosi verso la terra ferma, ci si accorge che da tutti i locali sono spuntati tavoli e poltrone sulla spiaggia, pronti ad intrattenere i turisti per tutta la notte.

Ah, le foto sono state caricate, per vederle basta un click qui

 

I’m sure for most of you, if I say Boracay. nothing lights up. How it looks like, what’s on it, so this post’s gonna be useful. First of all it is a quite small isle, not even drawn in many maps, there’s only the name.

Once arrived, after the trip on one of the typical boats, you can see roads no wider than 2 metres. Result: I saw no cars In Boracay, only tricycles and minivans from the resorts, taking tourists around. Many houses are still made of wood and leaves, and people make a quite poor/simple life. Despite this everyone there looks happy, people are very kind and friendly.

The logistic centre of the isle is called d*mall, but it doesn’t look like a mall at all. Personally, for how it is made, I would call it d*bazaar. Anyway, once crossed this zone, there’s the main beach of Boracay, divided in Station 1, 2, 3. During high season they are so crowded, and if you want some shade you’d better 1) Book a beachfront resort (quite expensive) for using their facilities, or 2) Use their facilities purchasing many drinks and dishes, but since there are only few places, if some resort costumer arrives you have to go away. That’s also why I got a sunburn, because we had to leave the Discovery Shores Resort and take a walk on the beach, even if only 20 minutes, but adding 20 more minutes of swimming the effect was granted, no matter the sun protection cream.

There’s much to do in Boracay: snorkeling, scuba diving, parasailing, jet ski, water ski, boat trips, horse riding, and more. For this reason there are so many promoters approaching you offering any of these activities, but instead of yelling like in many countries, here they come as if they wanted to offer you a heroin dose…

The best moment to enjoy the beach is of course the sunset: the boats, the children, the parachutes, all become shadows breaking the red sky and disturbing the water shining, until darkness comes. At this point, turning back to the land, you see that all the bars and restaurants put so many tables and chairs, ready to entertain them all night long.

By the way, the photoalbum has been uploaded, just click here

Massimo
 
Tramonto a Boracay - Sunset in Boracay

Leave a Reply