Good Ol’ Tire

Postato lunedì 11 gennaio 2010 alle 14:03 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Aggiornamenti.

Dal tramonto all'alba

Mi sembra ieri quando una fredda mattina di luglio di diciotto mesi fa il buon vecchio Tire si presentava alla nostra porta con capello lungo, barba incolta e sul volto la tipica espressione di chi non dorme da 72 ore. Ieri, come altri prima, ha preso un aereo e se n’è andato per la sua strada, lontano dall’Australia.

Se ne va dopo aver passato un anno e mezzo tra Sydney, Melbourne e Griffith, girando poco e lavorando molto in caffè e ristoranti, maturando preziosa esperienza per il suo futuro professionale. Se ne va, per sua stessa ammissione, senza grossi rimpianti o rimorsi, avendo fatto (quasi) tutto quello che si era prefissato.

La sua partenza e’ stata degnamente festeggiata con un memorabile farewell party venerdì scorso in un paio di locali a Darling Harbour, con una cinquantina di invitati in rappresentanza di svariati paesi e continenti. Serata divertente e impegnativa, infatti la foto sopra e’ stata scattata al ritorno a casa il mattino seguente…

A lui va il mio personale ringraziamento per aver condiviso (buona) parte di questa avventura, per averci fatto compagnia in casa per qualche tempo, per essersi preso cura della mia stanza durante il mio ultimo viaggio in Italia e per molte altre cose che al momento non ricordo ma per cui posso solo dire un semplice thank you Alberto.

Tags: , , , ,
3 commenti

Festa di compleanno

Postato lunedì 11 maggio 2009 alle 14:04 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Vita sociale.

Venerdì sera grande festa di compleanno all’Ivy, locale di tendenza su George St. A festeggiare l’evento c’era anche il fido Loris, nato un anno e soprattutto un giorno dopo il sottoscritto, e una quarantina di invitati tra amici, amici di amici, conoscenti, etc. Serata impegnativa ma riuscita alla grande.

Siamo partiti in sordina verso le 20, quando io e il buon Manu siamo stati i primi ad entrare, seguiti da Loris e coinquilini poco dopo. Pian piano poi siamo riusciti a prendere posto su dei tavolini strategici dove abbiamo praticamente trascorso tutto il tempo, intervallando ovviamente delle visite al bar per rinfrescarci con qualche bibita.

Molte le nazionalità rappresentate, di almeno quattro continenti diversi: Europa, Oceania, Sud America e Asia, in ordine decrescente di presenze. Primo posto all’Italia ovviamente, con Verona a farla da padrone. Non sono mancati neppure i gemellaggi e gli inserimenti di outsider, come e’ giusto che sia in queste occasioni.

Il terzo compleanno in Australia ha quindi superato di gran lunga gli altri due e ringrazio tutti quelli che sono venuti alla festa, perche la seratona e’ stata tale soprattutto grazie ai presenti. Un grazie e un saluto anche a quelli che avrebbero voluto esserci ma non ce l’hanno fatta. Ci vediamo fra 365 giorni circa.

Tags: , , ,
4 commenti

Cronache pasquali

Postato martedì 14 aprile 2009 alle 13:41 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Aggiornamenti.

Anche la Pasqua numero tre in Australia e’ ormai passata, trascorsa in scioltezza alternando momenti di riposo a feste con gli amici. Il clima e’ stato tutto sommato dalla nostra parte, raggiungendo l’apice nella giornata di venerdì (Santo) per poi diventare letteralmente miserabile ieri, a Pasquetta. Nel mezzo, due giornate senza infamia ne lode, quelle di sabato e domenica.

La calda e soleggiata giornata di venerdì l’abbiamo passata in spiaggia di fronte al barbecue, violando la famosa “regola” religiosa del non mangiare carne durante la Settimana Santa. Avevamo ipotizzato una grigliata di pesce ma era troppo difficile da organizzare e quindi abbiamo optato per il peccato. Amen.

Sabato, poi, cena con Loris e Paolo da Zia Pina, per controllare che il manager Manuel si comportasse bene sul posto di lavoro. Dopo la verifica, qualche drink al buon vecchio Argyle che, dopo aver passato un brutto periodo a causa dell’apertura dell’Ivy, sembra essere tornato ai fasti di un tempo.

Il giorno di Pasqua, infine, l’abbiamo trascorso con Andrea e Oksun, prossimi alle nozze (?), che ci hanno invitato a pranzo, per quella che e’ diventata ormai una consuetudine in occasione delle feste. A seguire, giretto a Circular Quay dove ci hanno raggiunto anche altre persone. Anche quest’anno, insomma, “Natale con chi vuoi e Pasqua pure”.

Tags: , , , , , ,
3 commenti

Matrimonio mordi e fuggi

Postato lunedì 18 agosto 2008 alle 15:34 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Vita sociale.

Ricordate Yukas, il ragazzo messicano ex-collega di Manuel da Zia Pina, ex-inquilino della Casa del Popolo, ispiratore e trascinatore dei famosi party in quell’appartamento? Bene, ieri mattina e’ convolato a giuste nozze con rito civile con la sua fidanzata, una ragazza originaria della Nuova Caledonia ma residente a Sydney.

Noi eravamo nel ridottissimo elenco degli ospiti selezionati per l’importante evento che – compresi i due testimoni, uno per lo sposo e uno per la sposa – ammontava a cinque persone, cosa un po’ inusuale per un matrimonio, soprattutto per la mancanza di genitori e parenti di lei (quelli di lui sono in Messico).

Il rito, celebrato da un rappresentante legale – un ragazzo poco più vecchio degli sposi (o forse coetaneo) – e’ durato pochi minuti ed ha ovviamente avuto i suoi punti cardine nei due “Si, lo voglio”, nello scambio delle fedi e nel bacio finale. Al termine della sobria cerimonia, tutti a pranzo a festeggiare la nuova unione.

Questo e’ il secondo matrimonio a cui partecipo in Australia, dopo quello di Mark, un mio ex-insegnante di inglese, e Joy, ex-compagna di scuola di inglese di Manuel, che si sono sposati l’anno scorso e devo dire che le differenze con quelli italiani sono abissali.

A parte il fatto che entrambi non sono stati riti religiosi e quindi non c’erano preti e chiese di mezzo, un’altra grossa differenza e’ la preparazione, decisamente molto meno laboriosa, impegnativa e costosa di una qualsiasi in Italia. E poi i tempi, drasticamente inferiori al Belpaese.

Ultimo ma non ultimo e’ interessante sottolineare come si erano conosciuti i due neo sposi, ovvero sei mesi fa su Facebook, tramite un’applicazione che mette in contatto i singles e permette di flirtare online, per poi, nel migliore dei casi, incontrarsi anche dal vivo. Benvenuti nell’Australia del terzo millennio.

Tags: , , ,
9 commenti

Tre su tre

Postato venerdì 11 aprile 2008 alle 14:53 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Vita sociale.

Lo scorso weekend ho fatto tripletta. Alla faccia dei miei recenti propositi di limitare la vita mondana adesso che arriva il fresco dell’inverno australiano, sono uscito venerdi’, sabato e domenica sera. C’erano ovviamente degli eventi in ballo, non e’ che sono uscito a caso, e non mi potevo certo vigliaccamente sottrarre. Ne scrivo solo adesso perche’ solo adesso sono in condizioni di farlo – frase ironica, non c’e’ bisogno di allarmarsi, ndr…

Venerdi’ sera c’era in programma il farewell – festa di addio, o arrivederci, non si e’ ancora capito – all’Australia di un mio amico ceco, Dusan, che dopo sette anni a Sydney ha deciso di ritornare a Praga e tentare di reinserirsi professionalmente e socialmente la’, non prima pero’ di aver viaggiato per un paio di mesi nel sud-est asiatico. In questo anno abbiamo fatto molte serate insieme e ne abbiamo combinate parecchie, da ricordare soprattutto il caves climbing e la festa in barca, piu’ un’altra infinita’ di perle. Se ce la facciamo dovremmo ribeccarci a Giugno da qualche parte in Europa.

Sabato, invece, party italiano a North Bondi, anche se il perche’ si festeggiava mi e’ onestamente tuttora oscuro. Ci sono andato in compagnia di Max ma i miei contatti alla festa erano Amira e Alessandro, una coppia di ragazzi veronesi che ho conosciuto un mesetto fa. Come detto, la maggioranza degli invitati era composta da compatrioti, quasi tutti qui col classico Working Holiday Visa di un anno. Nota curiosa: e’ la prima festa a cui ho partecipato a Sydney senza asiatici.

Domenica, infine, dopo essermi incontrato nel pomeriggio con un nuovo arrivo in citta’, Riccardo detto Logomaco, in serata mi sono finalmente recato con Manuel alla pizzeria RossoPomodoro a Balmain, dove lavora come cameriere e rubacuori il fido Gianluca, che da tempo decantava le lodi della pizza di questo posto. Devo ammettere che la qualita’ era ottima e credo di poter azzardare la migliore che abbia mai provato in Australia, in verita’ molto molto simile ad una pizza italiana. Anche il prezzo e’ onesto e l’unico svantaggio e’ la localita’, un po’ fuori dal centro.

Per questo nuovo weekend che incombe non c’e’ ancora niente in programma, magari e’ l’occasione buona per ricaricare un po’ le batterie per una volta, anche se qui non si puoi mai dire, i party sono sempre dietro l’angolo…
In questi giorni sto anche tentando di organizzare in modo intelligente la mia settimana in Thailandia il prossimo Giugno, e sto quindi rimbalzando tra siti di alloggi e alberghi e siti di compagnie aeree thailandesi. La mia idea era di dividere il mio soggiorno tra Bangkok e Phuket ma sto vagliando anche altre soluzioni. Ogni consiglio e’ ben accetto.

Tags: , , , , , ,
11 commenti

Pagina 1 di 5:12345