MAC o PC?

Postato martedì 3 novembre 2009 alle 12:15 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Blog.

MAC o PC?

Dopo tre mesi con lo stesso sondaggio, a causa delle vacanze mie e del blog, eccone finalmente uno nuovo per il mese pre-estivo di Novembre. La domanda che vi pongo questa volta non centra molto con l’Australia ma centra con me, visto il mio rapporto sempre migliore con la Apple, dopo la conversione di due anni fa: MAC o PC? Ovvero, preferite gli esclusivi, affidabili, funzionanti computer della casa della Mela oppure i più universali, economici ma più problematici PC (con Windows)? A voi la scelta.

Il sondaggio precedente invece, che come detto e’ stato attivo più del previsto, vi chiedeva dove avete passato le vacanze estive (italiane) quest’anno. Molto equilibrato l’esito con l’opzione “Australia” a spuntarla col 29% dei voti, appena davanti alla coppia “In ferie in Italia” e “All’estero”, appaiate al secondo posto col 22%. Significativo anche il 20% di voti andati alla risposta “A casa”, segno che la crisi economica ha effettivamente colpito riducendo i consumi. Solo briciole per le rimanenti due opzioni.

Tags: , , , , ,
11 commenti

Dove passi le vacanze estive quest’anno?

Postato lunedì 3 agosto 2009 alle 13:55 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Blog.

Dove passi le vacanze estive quest'anno?

Il sondaggio che si apre oggi e che rimarrà attivo per i mesi di agosto e settembre, vi chiede una delle più classiche domande estive: dove passerete le vacanze quest’anno? In qualche località turistica nostrana o fuori dai confini nazionali? In ufficio lavorando o in relax a casa? Oppure da qualche parte quaggiù in Australia? Rispondete numerosi nell’apposita sezione please.

Il sondaggio di luglio invece poneva un quesito molto meno scanzonato ma più attuale e delicato. L’Italia e’ ancora un posto ammirato e desiderato da mezzo mondo? Merita ancora il soprannome di “Belpaese”? Purtroppo, pare di no. Dei 75 voti totali – nuovo record – ben il 36% di voi ha scelto la piu’ negativa delle opzioni “Sempre peggio” mentre gli incerti con “Insomma” e i “No” hanno totalizzato rispettivamente 29% e 17%. Riassumendo, soltanto 13 su 75 risposte sono state pienamente positive, per un esito generale veramente preoccupante.

Tags: , , ,
6 commenti

Inferno in Australia

Postato martedì 10 febbraio 2009 alle 14:05 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Aggiornamenti.

Cielo infuocato nelle campagne di Melbourne

Era dai tempi bui della Seconda Guerra Mondiale che l’Australia non faceva i conti con una tragedia dalle proporzioni simili al dramma degli incendi che si sta consumando in Victoria, nelle campagne attorno a Melbourne. 173 vittime secondo le stime ufficiali aggiornate alle ore 12 di oggi, ma purtroppo destinate a salire ancora visto che la polizia deve ancora finire di setacciare alcune delle aree coinvolte. 750 case distrutte, 330 mila ettari inceneriti e 2 miliardi di dollari di danni: queste sono le tristi cifre che completano il quadro del disastro.

L’ondata di caldo che ha colpito l’Australia sud-orientale alla fine di Gennaio, purtroppo, ha avuto le peggiori conseguenze possibili: le temperature estreme – 46.4 a Melbourne sabato scorso, nuovo record assoluto per una citta’ maggiore australiana – e i secchi e forti venti, si sono rivelati un mix letale per le aree rurali della parte centrale del Victoria e per i suoi abitanti, che fino in fondo hanno cercato invano di difendere le loro proprietà dalle firestorms – tempeste di fuoco, come sono stati ridefiniti gli incendi per la loro furia e potenza.

L’Australia non e’ nuova a questo tipo di emergenze, che ogni anno in estate tornano a minacciare flora e fauna di centinaia di km quadrati di territorio, ma questa volta le condizioni ambientali eccezionali di cui sopra, unite a più di un sospetto di dolo, hanno fatto precipitare rapidamente la situazione, che e’ purtroppo ancora in evoluzione e destinata a peggiorare ulteriormente nelle prossime ore. La pioggia e’ ancora lontana e i focolai da domare rimangono molti, nonostante le centinaia di pompieri impiegati nelle operazioni.

Sydney e il resto del NSW, solitamente a rischio, sono stati pero’ risparmiati dalla ferocia della natura in questa occasione. I 20 gradi scarsi e i temporali degli ultimi giorni stanno in qualche modo facendo da garante su vegetazione, case e persone. Questo permette anche di liberare risorse e aiuti preziosi per soccorrere il vicino Victoria, che sta fronteggiando quello che probabilmente sara’ ricordato come il piu’ grande disastro naturale della sua storia bicentenaria.

Tags: , , , , ,
Scrivi un commento

Ondata di caldo

Postato venerdì 6 febbraio 2009 alle 15:09 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Aggiornamenti.

Nelle ultime settimane la parte sud-orientale dell’Australia e’ stata colpita da un’eccezionale ondata di calore, che ha portato le temperature a livelli record in alcune località. Le citta’ più colpite sono state Adelaide e Melbourne, più tutta una serie di zone dell’entroterra del South Australia, del Victoria, del NSW meridionale e del nord della Tasmania. Il picco pare essere stato durante la settimana scorsa ma gli esperti non escludono nuovi innalzamenti. Anche Sydney ha avuto dei giorni particolarmente caldi, ma tutto sommato normali per il periodo estivo.

Le temperature registrate nelle aree colpite sono abbondantemente sopra le medie e molti record storici sono caduti in questi giorni. Ecco qualche dato significativo:

  • Adelaide ha raggiunto la massima di 45.7 gradi il 28 gennaio, la terza di tutti i tempi
  • Melbourne ha raggiunto la massima di 45.1 gradi il 30 gennaio, la seconda di tutti i tempi
  • Adelaide ha registrato una minima di 33.9 gradi alla mezzanotte del 29 gennaio, record assoluto
  • La cittadina di Mildura, Victoria ha segnato temperature sopra i 40 gradi per 10 giorni consecutivi
  • La temperatura più alta dell’ondata e’ stata di 48.2 gradi a Kyancutta, South Australia

Fortunatamente le temperature sono iniziate a salire proprio il giorno dopo la mia partenza da Melbourne e sono cosi’ riuscito a schivare i giorni più caldi. Agli Australian Open sono stati costretti a chiudere il nuovo tetto mobile del campo centrale – la Rod Laver Arena – date le condizioni proibitive a cui erano costretti gli spettatori al sole e soprattutto i giocatori in campo.

Sydney generalmente e’ più temperata e meno estrema sulla colonnina di mercurio, anche se nelle aree più interne – lontane dall’effetto mitigante del mare – la situazione si può fare piuttosto scottante. A questo proposito, pochi minuti fa il Ministero della Salute dello stato del NSW ha diramato un comunicato stampa per informare il pubblico che nel weekend e’ attesa un’ondata di calore simile a quella della settimana scorsa, con punte di 47 gradi nell’entroterra! Ecco il link alla news, che ho caricato io stesso sul sito: www.health.nsw.gov.au/news/2009/20090206_00.html.

Tags: , , , , ,
8 commenti

Da quanto tempo segui questo blog?

Postato lunedì 1 settembre 2008 alle 16:56 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Blog.

Da quanto tempo segui questo blog?

Tra un paio di settimane sara’ tempo di festeggiare i due anni dal primo post di From Italia to Australia, datato 16/09/2006 e quindi quale momento migliore per sondare la fedelta’ di voi lettori, chiedendovi nel sondaggio di Settembre che parte oggi, da quanto tempo e’ che seguite le nostre avventure sul blog? Al solito, rispondete numerosi nel box in alto a destra.

Il sondaggio di Agosto, invece, si e’ concluso ieri, fornendo qualche interessante indicazione. Innanzitutto, il numero di voti totali, fermatosi a 30, e’ un po’ inferiore alla media e questo immagino sia dovuto al fatto che Agosto, in Italia, e’ un mese dedicato alle ferie, al mare, agli spazi aperti, alle calde giornate e non ai computer, a Internet e ai blog sull’Australia. Vediamo quindi se, come credo, Settembre invertirà la tendenza.

Per quel che riguarda i risultati del sondaggio che, ricordiamo, vi chiedeva se e’ cambiata la vostra idea dopo lo svolgimento della Giornata Mondiale della Gioventu’ 2008 a Sydney, che ha dato un po’ di ribalta internazionale alla citta’. Per il 40% di voi, non e’ cambiata piu’ di tanto, forse segno che non vi fate influenzare facilmente o forse che l’evento non e’ stato poi cosi’ determinante. A seguire, col 30% dei voti, il gruppo che pensa che Sydney ne abbia giovato, per chiudere poi con le altre due opzioni che raccolgono poche preferenze.

Tags: , ,
Scrivi un commento

Pagina 1 di 2:12