Caos a Bangkok

Postato lunedì 10 maggio 2010 alle 14:24 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Viaggi e vacanze.

Come forse ricorderete, tra una decina di giorni sono in partenza per tre settimane di vacanza in Asia, con la Thailandia come prima tappa. Il programma di viaggio nell’antico Regno del Siam prevede un giorno e mezzo a Bangkok, per assistere al matrimonio di Prem, e qualche altro giorno nella tranquilla e accogliente Phuket, ormai meta fissa dei miei soggiorni thailandesi.

Alla luce dei recenti gravi disordini a Bangkok ho pero’ deciso di rivalutare la sosta nella capitale, a favore di un giorno extra nella più sicura provincia meridionale. Una decisione definitiva sarà presa la settimana prossima, a ridosso della partenza, visto che voli e alberghi pressoché deserti, e perciò a buon mercato, mi permettono una certa flessibilità con l’itinerario.

Mi dispiacerebbe mancare al matrimonio tradizionale indiano di Prem ma allo stesso tempo non vale neanche la pena rischiare di finire in mezzo a qualche casino, solo per essere passati da una via sbagliata o aver visitato una zona a rischio. I turisti non sono normalmente bersaglio delle rappresaglie ma e’ già successo in passato che vengano involontariamente coinvolti.

Per chi non lo sapesse, i recenti problemi di ordine pubblico sono stati causati dagli scontri tra l’esercito e le Red Shirts (camicie rosse), ovvero rappresentanti del partito all’opposizione che protestano per l’esilio forzato dell’ex presidente. I rivoltosi, che sono principalmente contadini provenienti dal povero nord-est del paese, chiedono che il parlamento venga sciolto e che vengano tenute nuove elezioni.

Tags: , , , , ,
Scrivi un commento

Chi vincerà i Mondiali 2010?

Postato lunedì 3 maggio 2010 alle 15:43 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Blog.

Chi vincerà i Mondiali 2010?

Con i maggiori campionati nazionali in Europa ormai agli sgoccioli, comincia a salire la febbre per la Coppa del Mondo che quest’anno si svolgerà per la prima volta nel Continente Nero, in Sudafrica per la precisione. Quale migliore occasione quindi per lanciare un nuovo sondaggio: chi vincerà il Mondiale? Riusciranno gli azzurri a confermarsi campioni o dovranno abdicare il trono? C’è spazio per qualche outsider o sarà una delle “solite note” a prevalere?

Il sondaggio di Aprile, invece, vi chiedeva un’opinione sul risultato delle ultime elezioni Regionali. Il risultato e’ abbastanza chiaro: con il 60% dei voti vincono gli insoddisfatti dell’esito. Da notare comunque che, a causa di un errore tecnico, per parecchi giorni non e’ stato possibile votare e il totale si e’ fermato a soli 15 voti.

Tags: , , , , , ,
2 commenti

Tennis competition

Postato mercoledì 28 aprile 2010 alle 12:05 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Aggiornamenti.

Questa sera, dopo il lavoro, inizio un torneo di tennis al Cintra Park, circolo poco lontano da casa in zona Concord. Ultimamente ho giocato con continuità, tornando in discreta forma, e ho quindi deciso di mettermi alla prova in questa competizione.

Il formato del torneo e’ un po’ complicato, un misto tra Coppa Davis e girone all’italiana, con l’evidente scopo di far giocare il più possibile i partecipanti. Il tempo di gioco e’ tre ore ogni mercoledì sera, per dieci settimane totali. Ogni squadra e’ formata da due giocatori che, appunto, in un girone all’italiana, sfidano le altre coppie in incontri tipo Coppa Davis – 4 singoli e un doppio, in partite di un set. Al termine delle eliminatorie, i quattro migliori team si affrontano infine in semifinali e finale.

Essendomi io iscritto da solo, questa sera – che e’ in realtà solo una serata introduttiva senza partite vere e proprie – verro’ messo in squadra con un altro giocatore singolo. Speriamo bene, quindi, l’importante e’ partecipare ma anche vincere non e’ male…

Tags: , ,
1 commento

Supafest

Postato martedì 20 aprile 2010 alle 14:25 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Vita sociale.

Venerdì scorso siamo stati ad un concerto/festival chiamato Supafest all’Olympic Park di Homebush. La manifestazione si e’ svolta nell’arco di 5-6 ore con artisti del calibro di Jay Sean, Eve, Sean Paul, Pitbull, Kelly Rowland e Akon. Visti i nomi, le premesse per una grande serata c’erano tutte. Invece…

Invece lo abbiamo definito all’unanimità come il peggior concerto della storia: prezzo spropositato (oltre 100 euro), audio pessimo, artisti scarichi e troppe chiacchiere e poca musica. Solo Pitbull e Akon, a nostro avviso, si sono salvati, seppure per il rotto della cuffia.

Il tutto e’ cominciato quando, in onesto ritardo di un’oretta circa (come si fa di solito ai concerti), siamo arrivati all’Acer Arena scoprendo che Jay Sean e Eve avevano già suonato e Sean Paul doveva essere il prossimo. Mezz’ora dopo, con calma, e’ uscito.

Le tempistiche, poi, delle performance sono state un incubo: evidentemente per cercare di compattare al massimo i tempi, molte canzoni venivano eseguite solo a meta’, salvo poi far passare decine di minuti tra un cantante e l’altro, con un pseudo DJ e uno speaker che “intrattenevano” la folla.

Come detto, Pitbull ha tirato un po’ su gli animi, forse anche grazie alle recenti hit che ha riproposto e conosciute un po’ da tutti. Anche Akon, esibitosi per ultimo, ha fatto il suo intrattenendo pero’ il pubblico più con i suoi video e i suoi salti sulla folla che con la musica.

A fine serata siamo mestamente tornati a casa con l’amaro in bocca e la coda tra le gambe, maledicendo il fatto di non avere ascoltato i vari consigli “contro” arrivati da più parti, che avevamo testardamente rimbalzato prima di comprare i biglietti.

Tags: , , ,
1 commento

Australian slang

Postato mercoledì 14 aprile 2010 alle 16:42 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Cultura australiana.

Per chi tra di voi possiede un iPhone, alcuni avranno magari scaricato un giochetto chiamato FlightControl, che tramite un’interfaccia semplice ma accattivante permette di far atterrare vari tipi di aerei sulle rispettive piste, evitando che si scontrino.

Tale applicazione, sviluppata da una compagnia australiana, nella versione attuale offre quattro scenari diversi e una delle “chicche” sono i messaggini che appaiono sullo schermo quando si fa atterrare con successo un aereo, diversi in base allo scenario scelto.

Uno di essi e’ appunto ambientato nel bush australiano, ossia la vastissima area desertica interna al continente e i messaggini sono simpaticamente tratti dallo slang dell’inglese down under. Eccone alcuni:

  • No worries. Onnipresente espressione che può significare, “prego”, “no problem”, “ok”, etc.
  • You bewdy. Traslitterazione di you beauty, esclamazione che significa più o meno “ottimo” o “molto bene”.
  • Onya. Espressione che viene usata per congratularsi con qualcuno.
  • Fair dinkum. Intercalare che si usa per confermare qualcosa di vero o plausibile.
  • Crikey. Esclamazione che esprime stupore, tipo “wow”.

A parte il primo, tutti gli altri termini non sono cosi’ comuni e sono usati principalmente nelle aree rurali, e comunque non da chiunque. Sono, insomma, parte di uno slang avanzato che l’australiano medio che si può incontrare per strada in città probabilmente conosce ma usa solo occasionalmente.

Tags: , , , ,
3 commenti

Pagina 6 di 63:1...3456789...63