Isolamento

Postato venerdì 17 settembre 2010 alle 14:43 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Cultura australiana.

Una delle principali caratteristiche distintive dell’Australia, forse la più importante, nel bene e nel male, e’ l’isolamento. Geografico, ovviamente, ma non solo. Questo ha fatto si’ nel corso del tempo che il continente australe si sviluppasse, per molti versi, su un binario parallelo rispetto a gran parte del resto del mondo.

Un esempio semplice ma lampante di questo fenomeno e’ la singolare varietà di specie animali presenti solo ed esclusivamente a queste latitudini, tra cui il canguro, il koala, il vombato, l’emù, l’ornitorinco, l’echidna e molti altri meno famosi. In totale, quasi il 90% di tutta la fauna australiana non si può trovare altrove sulla Terra, un dato veramente significativo secondo me.

Un altro aspetto dell’isolamento dell’Australia e’ quello culturale. Apparentemente, come ho già notato, questa nazione può essere descritta come un misto tra la Gran Bretagna e gli Stati Uniti, ma le analogie si limitano a lingua, tratti somatici di gran parte degli abitanti e retaggio storico. Gli australiani, secondo quanto ho potuto osservare in questi anni, non sono ne’ europei ne’ americani, ma qualcosa di diverso, australiani appunto.

Il concetto non e’ facile da spiegare e ci tornerò sopra in futuro ma alcune ragioni di questa diversità sono le seguenti, peraltro già discusse in precedenza: lo stile di vita rilassato, la mentalità del no worries, il carattere meno competitivo, la giovialità onnipresente, il clima che mette buon umore. Tutte peculiarità (estremamente positive) che sia nel Vecchio che nel Nuovo Continente, ormai sono più l’eccezione che la regola.

Altri due esempi interessanti per sostenere questa tesi sono la musica e la moda. Anche a causa dell’inversione delle stagioni, cosa che influenza molto questi due ambiti, succede a volte che l’ultima hit lanciata in America o le ultime creazioni di qualche stilista europeo arrivino in Australia con un po’ di ritardo o, nel peggiore dei casi, non arrivino proprio, contribuendo appunto alla sensazione di “estraneità” al resto del mondo occidentale.

Tags: , , , , ,
7 commenti

Ti interessi di politica?

Postato giovedì 9 settembre 2010 alle 11:09 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Blog.

Ebbene, seppur con un margine molto ridotto, la maggior parte dei votanti dello scorso sondaggio ha ufficialmente sentenziato il proseguimento di tali celeberrimi sondaggi mensili. Il 50% di voi ha infatti avuto la meglio sui restanti oppositori di questa meravigliosa iniziativa, fermatisi al 46%. Saggia decisione.

La domanda che vi pongo invece per il mese di settembre ha a che fare con l’attualità, guarda caso sia italiana che australiana: vi interessa la politica? Vi sentite coinvolti in cose come partiti, elezioni e bipolarismo? Votate numerosi fino alla fine del mese nel menù a destra.

Mentre in Italia sono giorni decisivi per il futuro di questa maggioranza, anche in Australia le ultime settimane sono state all’insegna dell’incertezza. Il risultato definitivo delle recenti elezioni si è infatti avuto soltanto pochi giorni fa, dopo quasi tre settimane di riunioni e consultazioni varie, a causa della sostanziale parità di preferenze in cui si sono trovati Julia Gillard e Tony Abbott, i due candidati.

Per riuscire a mettere insieme un esecutivo entrambi hanno quindi dovuto negoziare con i partiti minori per giorni e alla fine l’ha spuntata per 76 seggi a 74, il minimo possibile, la Gillard, candidata di sinistra e primo ministro in carica, che potrà ora governare (indisturbata?) per tre anni.

Tags: , , , , ,
7 commenti

Il primo giorno di primavera

Postato mercoledì 1 settembre 2010 alle 15:28 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Aggiornamenti.

Qualche aggiornamento sugli avvenimenti degli ultimi tempi in questo post che prende in prestito il titolo da una famosa canzone dei Dik Dik del 1969.

Come detto, oggi e’ il primo giorno di primavera in Australia. Al contrario dell’Italia, qui le stagioni iniziano il primo del mese, non in base a solstizi o equinozi. Il motivo non e’ molto chiaro ma oggi, in effetti, c’è una giornata decisamente primaverile.

Sabato sera, dopo diciotto splendidi e intensi giorni, abbiamo salutato la famiglia di Manuel. La vacanza è stata un successo e Renato, Lorena, Nadia, Daniele, Sergio, Paola ed Elena hanno apprezzato più o meno tutto quello che gli abbiamo proposto, a parte forse qualche piatto un po’ troppo sperimentale per loro. Arrivederci a presto in Italia e grazie per esservi fatti 20+ ore di aereo per venirci a trovare.

Abbiamo iniziato a guardarci intorno per un’eventuale nuova sistemazione in zona più centrale o vicina alle spiagge. Non stiamo affatto male dove siamo ma il recente secondo aumento dell’affitto del 2010 ci sta facendo rivalutare un po’ il discorso. L’obiettivo e’ di provare a beccare qualcosa di valido prima di Natale.

Compatibilmente con ciò che ho scritto sopra, vorremmo comprare un frigo nuovo. Quello che abbiamo necessita di un upgrade, specialmente nelle dimensioni, ma per varie ragioni non ce l’abbiamo ancora fatta. Vedremo.

Tags: , , , ,
2 commenti

Cairns

Postato giovedì 26 agosto 2010 alle 12:15 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Viaggi e vacanze.

Cairns e’ stata una piacevole scoperta. Parlando con colleghi e amici che ci erano già stati, mi ero fatto un’idea positiva della cittadina del Queensland del nord e le mie impressioni sono state ampiamente confermate. Ci ritornerò di sicuro per un periodo più lungo in futuro.

Cairns in se’ non offre moltissimo, essendo principalmente usata dai turisti come base per le molteplici e varie escursioni disponibili nei dintorni, ma e’ comunque una bella cittadina ordinata e pulita con molti servizi. Infatti, nel raggio di 2-3 ore in tutte le direzioni, si può trovare qualcosa da fare o vedere, e ce n’è veramente per tutti i gusti.

Le attrazioni migliori sono ovviamente quelle legate all’acqua e alla natura in generale, tra cui la spettacolare Grande barriera corallina, il più grande ecosistema al mondo, visibile anche dallo spazio, che si estende per oltre 2600 km su una superficie di circa 344.400 km quadrati al largo della costa del Queensland.

Già a Cuba e Mauritius avevo avuto modo di fare un po’ di snorkeling nei pressi di alcune barriere coralline ma devo ammettere che quella australiana e’ semplicemente incredibile. La varietà di pesci, coralli e piante, l’estensione e il numero dei reef e le condizioni incontaminate in cui si trovano lasciano veramente a bocca aperta. Una cosa da vedere assolutamente almeno una volta nella vita, magari con una fotocamera subacquea (che funziona, non come la mia).

Le altre attività disponibili nei pressi di Cairns, tra cui gite a cascate, parchi naturali, spiagge, foreste tropicali, grotte, torrenti e paesini suggestivi sono comunque molto valide e farle tutte richiede parecchi giorni, meglio con una macchina per girare più liberamente e risparmiare sul costo dei vari tour.

Cairns, d’altro canto, non pare essere molto propensa alla nightlife, visto che molti locali chiudono verso mezzanotte o poco dopo e dopo cena non c’è molta gente in giro. Agosto e’ comunque bassa stagione (con evidenti effetti positivi sul clima pero’) quindi forse la storia e’ differente in altri periodi dell’anno.

Tags: , , , , ,
8 commenti

Visite

Postato lunedì 16 agosto 2010 alle 12:03 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Aggiornamenti.

Martedì scorso poco dopo le 6 di mattina, con un volo Etihad proveniente da Verona via Francoforte e Abu Dhabi, e’ arrivata la famiglia di Manuel al completo a farci visita. Ad accompagnare Renato, Lorena, Nadia e il suo ragazzo Daniele, anche Sergio, Paola e Elena, loro amici di famiglia. Il gruppo si intratterrà in Australia per circa tre settimane, fino al 28 agosto.

La loro vacanza e’ iniziata subito in salita – uno spiacevole imprevisto con le camere fermate da Manuel a Burwood vicino a casa nostra ha di fatto compromesso tutto il primo giorno a Sydney – ma fortunatamente tutto si e’ poi risolto per il meglio e ora la comitiva si sta gustando quello che Sydney ha da offrire in queste ultime settimane di inverno.

Nonostante il vento freddo che sta spazzando la città in questi giorni – che da’ comunque vita a delle limpidissime giornate di cielo azzurro – il gruppo ha già macinato chilometri avanti e indietro tra le maggiori attrazioni turistiche e luoghi di interesse, tra cui ovviamente Opera House, Harbour Bridge, The Rocks, Manly, Chinatown, Watson’s Bay e Royal National Park.

Le prime impressioni sono state molto positive, grazie anche ai nostri preziosi suggerimenti di guide improvvisate, e la stanchezza che generalmente assale i nostri ospiti la sera dopo cena e’ sinonimo di giornate piene e intense. Questa settimana ci sarà comunque spazio per recuperare un po’ di energie, in vista della “vacanza nella vacanza” di Cairns in Queensland, alla quale parteciperò anch’io, a partire da giovedì sera.

Tags: , , , , ,
5 commenti

Pagina 3 di 63:1234567...63