Ti interessi di politica?

Postato giovedì 9 settembre 2010 alle 11:09 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Blog.

Ebbene, seppur con un margine molto ridotto, la maggior parte dei votanti dello scorso sondaggio ha ufficialmente sentenziato il proseguimento di tali celeberrimi sondaggi mensili. Il 50% di voi ha infatti avuto la meglio sui restanti oppositori di questa meravigliosa iniziativa, fermatisi al 46%. Saggia decisione.

La domanda che vi pongo invece per il mese di settembre ha a che fare con l’attualità, guarda caso sia italiana che australiana: vi interessa la politica? Vi sentite coinvolti in cose come partiti, elezioni e bipolarismo? Votate numerosi fino alla fine del mese nel menù a destra.

Mentre in Italia sono giorni decisivi per il futuro di questa maggioranza, anche in Australia le ultime settimane sono state all’insegna dell’incertezza. Il risultato definitivo delle recenti elezioni si è infatti avuto soltanto pochi giorni fa, dopo quasi tre settimane di riunioni e consultazioni varie, a causa della sostanziale parità di preferenze in cui si sono trovati Julia Gillard e Tony Abbott, i due candidati.

Per riuscire a mettere insieme un esecutivo entrambi hanno quindi dovuto negoziare con i partiti minori per giorni e alla fine l’ha spuntata per 76 seggi a 74, il minimo possibile, la Gillard, candidata di sinistra e primo ministro in carica, che potrà ora governare (indisturbata?) per tre anni.

Tags: , , , , ,
7 commenti

Portinaio

Commento scritto giovedì, set 9th, 2010 11:42 pm.

Beh meno male che c’è una sinistra forte in Australia…qui cara grazia che si arriva al 25%.
Lo Zingarelli proporrà la parola “Berlusconismo” nella prossima edizione….
Io intanto vi leggo sempre….

Senryu_91

Commento scritto venerdì, set 10th, 2010 2:50 am.

pià che altro aparte IDV e 5 stelle non c’è molto altro, ilr esto della sinistra và a braccetto con la destra berlusconiana ….schifo…..

Giuseppe

Commento scritto martedì, set 14th, 2010 8:35 pm.

Non è per male…ma state facendo un grosso errore…cioè quello di considerare la sinistra australiana come quella italiana..(due storie e due passati nettamente diversi…).
Per il resto sono contento che la gillard l’abbia spuntata..il problema ora è se riuscira a governare..xD.

Senryu_91

Commento scritto mercoledì, set 15th, 2010 2:01 am.

Non ho paragonato nulla se ti riferivi a me, ho solo detto come stanno le cose in italia, è più un’oligarchia allo stato attuale travestita da democrazia :|

So bene che l’australia politicamente è più sana dell’Italia e non di poco!

siamo noi uno degli stati “occidentali” messi peggio… veniamo visti come un cancro dal resto dell’europa lol

Giuseppe

Commento scritto giovedì, set 16th, 2010 1:29 am.

No no..mi riferivo a quanto scritto da portinaio..tu hai detto bene anche secondo me.xD

Portinaio

Commento scritto venerdì, set 17th, 2010 8:57 am.

Giuseppe ne sono consapevole che c’è differenza…tranquillo! Non paragonerei mai le due cose!

mm

Commento scritto lunedì, ott 18th, 2010 8:49 am.

il fotovoltaico ha fatto passi da gigante e con i film
sottili riesce ad essere competitivo con le energie fossili ,
per non indebitarci con l’estero e lasciare ai nostri figli
debiti astronomici la strada del’eolico e del fotovoltaico
dovrebbero essere perseguite dal nostro governo che invece
vorrebbe tassare l’enel in cinque anni oer fare il nucleare
ma il nucleare non conviene perchè in questi dieci anni se tutto va
bene dovremmo consumare energia fossile , ma gli altri Paesi
sono d’accordo per il protocollo sull’ambiente e se l’Italia
non rientra nel protocollo subira penalizzazioni .
riassumendo il nucleare devasta le casse dello Stato ,
dobboamo importare tecnologie ed uranio dalla Francia .
le scorie producono danni per millenni e cosi i nostri figli ci malediranno .
l’eolico fa passi da gigante e tra poco un quinto dell’energia
mondiale è eolica per non parlare del film fotovoltaico che
in Germania nonostante ha meno sole dell’Italia di gia i Tedeschi
sono arrivati a coprire entro il 2011 dai 6 ai 9 GW .

Pagina 1 di 1:1

Scrivi un commento

Nome ed e-mail (che non viene cmq visualizzata) sono obbligatori mentre il sito Internet e' opzionale.