Digitale o analogico?

Postato lunedì 25 gennaio 2010 alle 10:44 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Considerazioni.

Digitale e analogico: metafora per la vita

Il titolo di questo post e’ una citazione di Mirko, un amico sbarcato recentemente in Australia dopo un paio di mesi in giro per la Cina, dove tra le altre cose ha avuto modo di fare la conoscenza di una delle culture asiatiche più antiche, affascinanti e controverse. Cosa centra quindi il titolo con la Cina, ma più in generale con l’Oriente?

Chi ha fatto degli studi vagamente tecnici (ma non dovrebbe essere un concetto estraneo neanche a tutti gli altri), probabilmente saprà qual e’ la differenza tra digitale e analogico. Nel primo caso, l’informazione si rappresenta con un numero finito e circoscritto di elementi mentre nel secondo gli elementi sono potenzialmente infiniti.

Concetto astratto ma esemplificabile nel modo seguente. Prendete il volume di uno stereo: alcuni apparecchi hanno la classica manopola (analogico) mentre altri le “tacche” o “freccette” (digitale). In entrambi i casi abbiamo un range da 0 (muto) a 100 (massimo), ma con la manopola possiamo (virtualmente) avere infiniti valori di volume mentre con le tacche “solamente” cento. Insomma, in un sistema digitale tra un valore e quello seguente non c’è niente mentre in uno analogico ci sono infinite variazioni.

La stessa differenza che c’è tra le culture occidentali e quelle asiatiche, analogiche le prime e digitali le seconde. Noi siamo più emotivi, passionali, impulsivi e mostriamo le nostre (molteplici) emozioni più facilmente mentre loro tendono a essere più riservati, composti e meno trasparenti, almeno ai nostri occhi. Un insieme di sfumature diverse contro qualcosa di più definito e inquadrato.

Chi ha avuto a che fare con degli asiatici, come capita spesso a me qui a Sydney vista l’abbondanza, sa bene di cosa sto parlando e forse sarà d’accordo con la similitudine che ho spiegato sopra. Con questo non voglio dire che una delle due concezioni sia migliore dell’altra, ma semplicemente che sono diverse (opposte) tra loro.

Tags: , , , , , ,
5 commenti

Giacomo

Commento scritto martedì, gen 26th, 2010 6:50 am.

dire che noi italiani siamo tra gli altri digitali è un bell’ardire…

Lucio

Commento scritto martedì, gen 26th, 2010 1:13 pm.

Infatti noi siamo tra gli analogici…

Marco

Commento scritto martedì, gen 26th, 2010 3:00 pm.

mercedes vs alfa romeo (di un tempo) ovverosia vedere la strada vs sentire la strada. Quando osservi una mercedes vedi perfezione, cura dei particolari, sicurezza ma anche freddezza e mancanza di stile a volte. Quando osservi attentamente un alfa romeo vedi arte, passione, amore e a volte sofferenza o, per gli amanti delle moto il paragone è ducati vs honda!
Quando passa un honda io non mi giro, quando passa una ducati ne sento “‘l’odore” a 500 mt. e i brividi mi percorrono la schiena.
Se ancora qualcuno non avesse capito….hai mai visto una venezuelana? o una colombiana? Ecco, immaginala vicina ad una cinese…con tutto il rispetto non c’è paragone!

paolo super figo

Commento scritto lunedì, feb 1st, 2010 9:36 am.

ma allora lucio…perchè ti ostini tanto a…. :-)

Lucio

Commento scritto lunedì, feb 1st, 2010 1:53 pm.

Perché la diversità mi attrae… ;-)

Pagina 1 di 1:1

Scrivi un commento

Nome ed e-mail (che non viene cmq visualizzata) sono obbligatori mentre il sito Internet e' opzionale.