Australian Permanent Residency

Postato martedì 8 dicembre 2009 alle 9:59 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Aggiornamenti.

Alla fine e’ arrivata. Per scaramanzia non avevo mai scritto nulla sul blog a riguardo e gli scongiuri hanno portato bene. Come alcuni di voi sapranno già, lo scorso week-end ho fatto un viaggetto veloce in Nuova Zelanda. Non per ferie, non per lavoro ma per farmi finalmente dare la permanent residency al consolato australiano di Auckland. Facciamo un salto indietro nel tempo per vedere com’è andata.

Documenti, documenti, documenti

Tutto inizia nei primi mesi del 2008, quando decido di provare a fare richiesta per la residenza tramite il programma Skilled Indipendent, che mi permette di ottenere il visto permanente a patto di raggiungere almeno 120 punti e di avere una professione richiesta in Australia. Il passo successivo e’ quello di raccogliere – e tradurre – tutti i (molti) documenti necessari per arrivare al punteggio minimo. Oltre alle scartoffie e’ fondamentale anche passare il test d’inglese IELTS e farsi accreditare come “informatico” da un ente apposito.

Application

Il processo descritto sopra si rivela ostico e abbastanza lungo. Tra una cosa e l’altra riesco a fare ufficialmente richiesta solo a fine agosto, dopo mesi di preparazione e inghippi. A quel punto, il più pare fatto e ora si tratta solo di aspettare notizie dall’Immigrazione, cosa che secondo le stime ufficiali non avverrà prima di un anno. Tempi dilatati, ma almeno c’è una data stimata: agosto 2009. Gli esami medici sono l’unica cosa che mi manca ma non posso farli finché non me lo dicono loro.

Crisi economica

A gennaio 2009, all’apice della crisi finanziaria globale, il governo australiano decide (giustamente?) di rivedere le sue politiche di immigrazione, di fatto tagliando il numero di ingressi nel paese per far fronte ad una domanda più debole. La conseguenza diretta per me e’ che le richieste di residenza vengono divise in 5 categorie, in base alla priorità. La mia purtroppo finisce nell’ultima – e meno importante. Risultato: la stima iniziale di un anno per la consegna del visto salta e ora non c’è più una data ultima.

Giro del mondo

“Poco male”, penso speranzoso tra me e me. E invece a luglio l’Immigrazione conferma le regole introdotte a gennaio, e ora si parla di fine 2010 per avere una risposta. Questa notizia non ci voleva e purtroppo come conseguenza sono costretto, consigliato anche da amici, a rinunciare al viaggio intorno al mondo che avevo già prenotato e abbondantemente pianificato. Troppo rischioso partire e tornare poi 6 mesi dopo senza il visto in mano. Questo il prezzo che devo pagare adesso per la libertà futura.

Lieto fine

Il problema ora e’ di trovare un modo per velocizzare il processo. E la soluzione arriva dall’agenzia di collocamento che mi ha sponsorizzato, che “generosamente” si offre di estendere la sponsorship alla permanent residency, sfruttando il fatto che a settembre avrò già lavorato per loro per almeno due anni. La nuova application, che sostituisce quella originale, parte quindi a inizio ottobre e in soli due mesi ottengo il tanto agognato visto, storia appunto di pochi giorni fa.

Tags: , , , , ,
16 commenti

Monica

Commento scritto martedì, dic 8th, 2009 10:19 am.

finalmente!!! complimentoni cmq e adesso? saluti tutti come volevi fare qualche tempo fa???? :)

Nicodemo

Commento scritto mercoledì, dic 9th, 2009 1:26 am.

Hai raggiunto lo scopo per cui sto per cui sbarcherò in Aussie!!! Che dire, complimenti per questo MITICO traguardo raggiunto!
Spero anch’io fra qualche anno di poter scrivere questo post mettendo la mia firma in fondo. ;-)

PS: credo sia il primo post di un italiano che è riuscito ad ottenere la residenza permanente… ne conoscete altri che ci sono riusciti?

Mario

Commento scritto mercoledì, dic 9th, 2009 1:16 pm.

Certo che sto PR lo danno proprio a cani e porci!!!
Complimenti in ogni caso mate!!

Laura Melbourne

Commento scritto mercoledì, dic 9th, 2009 2:35 pm.

Complimentissimi, Lucio!
Io invece mi sa che tornero’ in Italia presto. Ma prima lavorero’ fino alla fine del WH e cerchero’ di estere la permanenza con un turistico per fare un bel viaggio.
Sono troppo confusa per investire soldi e energie per un visto in Australia.
Ma, magari, un giorno, tornero’.
Ancora complimenti!

marco

Commento scritto mercoledì, dic 9th, 2009 7:47 pm.

ora facciamo coppia di fatto e mi dai la spouse visa…quanto vuoi?

Laura Melbourne

Commento scritto mercoledì, dic 9th, 2009 10:19 pm.

Marco, sono sicura che Lucio preferirebbe me a te, nonostante l’accento milanese!! Lascia passare, và… ahahahah! (un beso!)

Lucio

Commento scritto giovedì, dic 10th, 2009 12:36 pm.

x Monica: Se do tutte le risposte adesso, poi non viene piu’ nessuno sul blog! Chi vivra’ vedra’! ;-)

x Nicodemo: Si dai, ce ne sono altri di baciati dalla fortuna… :-)

x Samuel e Mario: Grazie!

x Laura e Marco: Eh eh eh, per non scontentare nessuno dei pretendenti credo che metterò il de facto all’asta su eBay, ma chiaramente essere femmina rappresenta un plus! :-D

tale

Commento scritto venerdì, dic 11th, 2009 3:10 am.

bravooo pavel…è spakemola

Elisa

Commento scritto sabato, dic 12th, 2009 9:05 am.

Ciao Lucio!Grande!!!…ma non ho capito una cosa fondamentale…la permanent residency è la stessa cosa del visto che ti permette di entrare ed uscire dall’australia ogni volta che vuoi o è un primo tassello…per raggiungere uno stato più evoluto??………sono un po’ confusa, non so se si capisce!!!!Comunque in ogni caso – CONGRATULAZIONI!

Lucio

Commento scritto lunedì, dic 14th, 2009 12:05 pm.

x Logomaco & Tale: Grazie ragazzi!

x Elisa: Ciao cara, la permanent residency e’ tutte e due le cose che hai scritto tu: un visto permanente che ti permette di entrare e uscire quando vuoi – senza più il vincolo del datore di lavoro che ha invece la sponsorship – e anche lo step obbligatorio prima della cittadinanza, che e’ l’ultimo gradino della scala.

Luciano

Commento scritto martedì, dic 15th, 2009 9:21 pm.

Ciao sono Luciano, complimenti per il tuo visto!!!
Volevo chiederti se potevi chiarirmi la procedura che ti ha permesso di averlo, visto che hai parlato di un esame di inglese che poi non dici di aver superato, e parli di una sponsorizzazione che non credo centri con lo skill.
Forse sono io che sono confuso… visto che hai fatto un bel post sul WHV, magari potresti farne uno anche in questo caso.
GRAZIE PER LA TUA DISPONIBILITA’ E GRAZIE PER CURARE IL TUO SITO!!!
CIAO

max

Commento scritto venerdì, dic 25th, 2009 1:57 pm.

bravo! Complimenti… non tutti ce la fanno!
In ogni caso sono anche io d’accordo sul fatto che dovresti fare un bel post riguardante la PR visto che di sicuro è un argomento che ormai conosci bene e al quale in molti sono interessati!

Luana

Commento scritto mercoledì, gen 6th, 2010 2:56 pm.

Anche se in ritardissimo, complimentoni per questo passo gigantesco!

Pagina 1 di 1:1

Scrivi un commento

Nome ed e-mail (che non viene cmq visualizzata) sono obbligatori mentre il sito Internet e' opzionale.