Vacanze italo-thai

Postato lunedì 7 luglio 2008 alle 16:25 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Viaggi e vacanze.

Non e’ mai piacevole scrivere il resoconto delle ultime vacanze trascorse perché implicitamente significa che si e’ tornati alla vita di tutti i giorni e quindi a lavorare. Inoltre, se si sono trascorse nella propria città natale, c’è poco di nuovo sotto il sole da annotare. Qualche motivo per stare allegri comunque c’è: la Thailandia, nuovi e vecchi amici e soprattutto non doversi preoccupare di cosa cucinare il giorno dopo.

La Thailandia, dicevamo, l’antico Regno del Siam, e’ stata una piacevole sorpresa. Ne avevo sempre sentito parlare molto bene ma ha superato veramente ogni mia più rosea aspettativa, specialmente nei giorni a Phuket: mare caldo e accogliente, clima piacevole, scenari da cartolina, gente ospitale e sempre sorridente e strutture di primo livello a prezzi contenuti creano un mix difficilmente riscontrabile altrove. Un paradiso, insomma.

Bangkok, invece, pur essendo una metropoli dalle mille opportunità, non mi ha convinto, forse a causa del caos costante che la caratterizza. Due giorni pero’ sono obiettivamente pochi per un giudizio definitivo quindi mi riservo l’ultima parola dopo una eventuale seconda visita più approfondita. Un ultimo cenno poi per i tre ragazzi romani con cui ho passato gran parte del tempo in Thailandia, Luca, Giovanni ed Emanuele, con cui ne abbiamo fatte di tutti i colori.

Finiti i bagordi asiatici, eccomi di nuovo sul suolo italico, a casa, per la seconda volta dalla partenza, avvenuta ormai quasi due anni fa. Le sensazioni allo sbarco a Malpensa, con i miei ad aspettarmi fiduciosi agli arrivi internazionali, sono state le stesse di un anno fa: calore e sicurezza uniti ad uno strano senso di “spaesamento” ed estraneità, peraltro affievolitosi velocemente.

Fin da subito sono entrato in una comprensibile spirale di incontri, pranzi, cene, aperitivi, visite, domande, risposte, parenti, amici, conoscenti e chi piu’ ne ha piu’ ne metta. Grazie alla mia ottima reazione al fuso orario (e alle vergognose dormite mattutine fino a mezzogiorno) ho potuto tener botta abbastanza agevolmente e godere appieno di situazioni, luoghi e persone amiche.

Amici e parenti con i quali ho passato gran parte del tempo a mia disposizione – perché, come si dice, il bello o il brutto di una vacanza sono le persone con cui la dividiamo – tra divertenti rimpatriate e piacevoli chiacchierate nei posti di sempre, sperando che il prossimo raduno si svolga a Sydney o almeno a meta’ strada cosi’ posso risparmiare qualcosina sul volo!

Tags: , , ,
8 commenti

Pagina 1 di 1:1