AUS vs ITA ep. 3 – Moda

Postato lunedì 16 luglio 2007 alle 17:23 da Lucio.  Stampa.
Categoria: AUS vs ITA.

Dopo aver trattato l'argomento cibo nella precedente puntata, ora e' la volta di un'altra importante tematica: la moda e il vestire. L'Italia e gli Italiani, si sa, sono molto attenti all'abbigliamento e non disdegnano certo qualche sacrificio economico pur di essere al passo con le ultime tendenze. Gli Australiani, o comunque la maggior parte della gente che vive qui, a quanto pare, la pensano diversamente.

Diciamolo francamente: il piu' delle volte in Italia l'apparenza (cioe' come ci si veste, ci si atteggia, si parla) e' la cosa che piu' conta e la sostanza, l'essere, passa purtroppo in secondo piano. L'abito fa il monaco insomma. Questo ovviamente porta a delle conseguenze nella cultura e nel portafogli degli Italiani: avere un buon guardaroba, alla moda, vale bene qualche soldo in piu'. Inoltre, i modelli mediatici sono spesso testimonial pubblicitari delle piu' famose firme e brand facendo si che il giro d'affari aumenti ulteriormente. Ma le conseguenze non sono solo negative: la scelta e' enorme e variegata e non e' difficile trovare qualcosa adatto ai propri gusti e generalmente gli Italiani sono percepiti come persone di buon gusto per come vestono.

Qui in Australia invece le cose funzionano diversamente. I negozi di vestiario ovviamente non mancano, ma la scelta sembra piu' limitata, soprattutto nei grandi magazzini. Questo deriva da una diversa cultura dell'abbigliamento. Qualche esempio: in molti uffici esiste il 'casual Friday', ossia, il venerdi', la possibilita' di lasciare a casa camicia e cravatta e andare al lavoro in abiti piu' comodi. L'adesione, per quanto ho visto, e' massiccia, nonostante il venerdi' sia anche il giorno in cui si va a locali direttamente dopo il lavoro. Inoltre, la camicia e' percepita come capo prettamente da ufficio e non da uscita galante o mondana, salvo alcune eccezioni. Il vestirsi insomma non e' uno status symbol ma piuttosto qualcosa a cui non si fa troppo caso, dove l'importante e' stare comodi e a proprio agio.

Un discorso a parte lo meritano la resistenza al freddo esibita dagli Australiani e la proporzione inversa che esiste tra la bellezza delle ragazze e il loro gusto in fatto di vestire…

Tags: , , ,
9 commenti

Luca Musicomane

Commento scritto martedì, lug 17th, 2007 2:21 am.

Ho fatto un post corredato di foto per descrivere la moda femminile australiana :)

Fuseaux mon amour? Bien sur!

Se è troppo autoreferenziale, cancella pure ;)

Musicomane.

Lucio

Commento scritto martedì, lug 17th, 2007 9:38 am.

Nessun problema Luca, mi ricordo quel post e ho preso spunto per il mio! :-D
Ho solo modificato il link perche’ usciva dal div. ;-)

asciapazza

Commento scritto mercoledì, lug 18th, 2007 7:13 am.

ammazza dice che vestono proprio bene…cmq alla fine fanno bene…siamo noi italiani che siamo un pò troppo limitati sotto questo profilo…certo basta nn esagerare :D

Luca Musicomane

Commento scritto mercoledì, lug 18th, 2007 11:39 am.

Perfetto :)

Ah, concordo sulla proporzionalità inversa
“bellezza femminile australiana”/ “stile”
E qui si vestono davvero male… ;)

maya

Commento scritto mercoledì, lug 18th, 2007 8:10 pm.

Devo avere qualche gene australiano o parentela lontana con questo paese, allora… Penso proprio che io e gli australiani andremo d’accordo sull’abbigliamento… ma che avete contro i fuseaux??? daiiii, sotto a una gonna o un vestito carini non sono male! (qualcosa mi dice che con questa difesa del fuseaux mi attirerò lo scherno di tutti gli italiani d’australia… ma vabbè…)

Manuel

Commento scritto giovedì, lug 19th, 2007 12:04 am.

Hai ragione Maya, come dici tu a volte stanno bene sotto un vestito o una gonna, ma il preblema è che qui li indossano anche senza niente sopra…..e magari con un una magliettia sopra l’ombelico!!!!!
A proposito, avete notato come vanno di moda i teschi qui, almeno a Sydney? Borse, bandane, scarpe, magliette, felpe e accessori vari tutti con i teschi…..Mamma mia!!!!

Lucio

Commento scritto giovedì, lug 19th, 2007 10:07 am.

Uhm i fuseaux sono solo una piccola parte delle “aberrazioni” che si vedono in giro. Degni di nota sono sicuramente anche i vestiti a vita alta color pastello con cinturone elasticizzato anni ‘80… In quei casi le dirette interessate starebbero sicuramente meglio senza niente addosso! :-P

Luca Musicomane

Commento scritto giovedì, lug 19th, 2007 2:57 pm.

@ maya

Mi spiace…i fouseaux proprio non li tollero…mi viene l’ittero! :)
Sono, per me, la cosa più antisesso che esista, assieme al gambaletto.

michele

Commento scritto venerdì, lug 20th, 2007 4:29 am.

cioa belli ….andema ben???lo sai lucio e manu che quando si parla di vestire io sono in primo piano….
noi abbiamo i vestiti e le marche piu belle al mondo perche nn usarle???ciao ragazzacci e fate i bravi un abbraccio al piccolo manu e al centrocampista piu……del san giovannni lucio ciao

Pagina 1 di 1:1

Scrivi un commento

Nome ed e-mail (che non viene cmq visualizzata) sono obbligatori mentre il sito Internet e' opzionale.