Settimana sportiva

Postato sabato 24 novembre 2007 alle 12:32 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Aggiornamenti.

Da molto tempo (oltre un anno?) non mi capitava di avere una settimana cosi’ attiva, sportivamente parlando. Dopo il gia’ citato massacro (in tutti i sensi) col paintball di domenica, in questi ultimi giorni, oltre alle canoniche due apparizioni in palestra, sono tornato a praticare, seppur solo in modo fugace e introduttivo, i miei due sport preferiti, che mi avevano storicamente ed estensivamente accompagnato durante tutta la giovinezza: calcio e tennis (in ordine di gradimento).

Martedi’ dopo lavoro mi sono infatti trovato con degli amici per una sgambata e quattro calci in un parco in zona North Sydney. In tutto il mio tempo passato in Australia questa e’ stata solamente la terza volta che tornavo ad aver a che fare con un pallone e devo ammettere che ogni tanto mi manca e vorrei riprendere a fare qualcosa. A questo proposito ho un paio di contatti, uno per calcetto e uno per calcio a undici, che potrei sfruttare. Vediamo cosa succedera’ in futuro.

Tornando alla partita, faccio notare che e’ stata una cosa molto blanda e il livello generale dei calciatori era, diciamo, amatoriale, e la competitivita’ inesistente. Mi sono limitato quindi a fare solo qualche numero d’alta scuola (eh eh eh), passando la maggior parte del tempo a giocherellare. Ma comunque mi sono divertito e ho sgranchito un po’ le giunture (?).

Giovedi’ invece e’ toccato al tennis che, dopo aver praticato abbondantemente tra i 7 e i 16 anni, ho progressivamente abbandonato fino al distacco (quasi) completo arrivando a giocare solo pochissime volte negli ultimi cinque anni. Era da tempo che un mio collega mi voleva sfidare e il momento era arrivato. A scanso di equivoci comunico subito al mondo che ho perso 6-4 6-2 ma sono stato molto piu’ in partita di quanto il risultato non faccia pensare.

Avevo qualche dubbio riguardo al fatto che non avrei usato le mie racchette (che ho lasciato a casa per problemi di peso e ingombro) e soprattutto che avrei giocato sull’erba sintetica, quando ero invece abituato ai campi in terra rossa, ma tutto sommato non ho sofferto piu’ di tanto l’adattamento e ho “tenuto botta” degnamente. Cio’ che mi ha invece deluso e’ stata la tenuta atletica, dimostratosi poi il vero punto debole. A circa 3/4 di gara le gambe mi hanno infatti letteralmente salutato e sono andate a farsi la doccia lasciando il resto del mio corpo a lottare da solo.

Anche in questo caso avrei voglia di tornare finalmente a giocare e sto valutando il da farsi. Calcio o tennis? O entrambi? Questo e’ il dilemma e la sentenza, come sempre, affidata ai posteri.

Tags: , , ,
7 commenti

Pagina 1 di 1:1