AUS vs ITA ep. 5 – Sicurezza

Postato martedì 9 ottobre 2007 alle 17:05 da Lucio.  Stampa.
Categoria: AUS vs ITA.

Uno dei fattori chiave nel giudicare la qualita' della vita di una citta' e' senza dubbio la sicurezza personale del cittadino. Rapine, sparatorie, crimine organizzato, aggressioni e via dicendo sono spiacevoli inconvenienti con i quali nessuno vorrebbe convivere. A Sydney da questo punto di vista si sta benone ed ecco perche'.

Se vi capita di fare quattro chiacchiere con un australiano riguardo all'argomento, non importa di quale citta' sia, molto probabilmente la sua opinione sara' che Sydney e' di gran lunga il luogo piu' pericoloso del paese. E probabilmente e' vero. Il fatto e' che il punto di vista e' spesso soggettivo e relativo alla realta' australiana, molto diversa da quella europea e, nella fattispecie, italiana.

Guardando i telegiornali, per esempio, i fatti di cronaca nera durante un anno li ho contati su una mano: c'e' ovviamente qualche sparatoria, qualche assalto, qualche furto com'e' normale in una citta' di quattro milioni di persone ma comunque una generale tendenza a sdrammatizzare. Ecco, non so se invece avete presente l'Italia e StudioAperto (direi di si, visto che ci vivete…): la tragedia quotidiana e' d'obbligo (seguita dalla solita serie di "-ine" nude, che non guastano)!

A Sydney ci sono ovviamente dei quartieri piu' caldi di altri, come quelli popolari e molto periferici o come il centrale Redfern, dove risiede la gran parte degli Aborigeni della citta' (i pochi che ho visto mi sono sempre sembrati inoffensivi comunque), dove e' meglio prestare un po' piu' di attenzione del solito ma, personalmente, io mi sento piu' sicuro qui che in certe citta' in Italia (senza far nomi, lo sappiamo benissimo), anche se devo rilevare che Verona e' sostanzialmente tranquilla.

Per quello che ho visto io, i pochi episodi di violenza in citta' sembrano dovuti all'eccesso di alcool: gruppi di ragazzini alticci che se le danno fuori e dentro i locali, magari per motivi futili, risse tra buttafuori e corpulenti personaggi nei pressi di alcuni pub e qualche ubriaco che importuna la gente in stazione sono le poche situazioni delicate a cui ho assistito e comunque l'intervento delle forze dell'ordine e' sempre stato tempestivo ed efficace.

Tags: , , ,
1 commento

Piccole comodita’ di casa

Postato venerdì 5 ottobre 2007 alle 17:56 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Vita domestica.

Dopo aver passato le prime settimane a pulire la sporcizia lasciataci simpaticamente in eredita' dagli inquilini precedenti, finalmente siamo riusciti a sistemarci decentemente nel nuovo appartamento e adesso e' arrivato il momento di migliorare un po' la nostra vita domestica di tutti i giorni.

In questo weekend ci dovrebbero (uso il condizionale visto che l'appuntamento originale era per ieri) consegnare un po' di nuovo fiammante mobilio, che cercheremo di incastrare nelle nostre minute camere (in realta' la fortuna e' stata dalla mia al momento dell'assegnazione e ho vinto quella matrimoniale): una scrivania + un comodino per Manuel e un'altra scrivania + una cassettiera per me (per chi non lo sa, io NECESSITO di cassetti!). Con questi fondamentali elementi d'arredo saro' finalmente in grado di dare una collocazione piu' consona ai vestiti che ancora giacciono in scatole e valigie.

Altro passo fondamentale verso il comfort domestico sara' dotarci di un collegamento a Internet, indispensabile oggigiorno. Dopo previa, estensiva ma senza successo ricerca di una rete wireless aperta nei dintorni, abbiamo deciso per un abbonamento vero e proprio, con tanto di numero di telefono fisso. Nel giro di un paio di settimane dovremmo quindi essere operativi con un collegamento ADSL2+ a 24Mbs, che per i non esperti significa molto molto molto veloce!

Nota: la quasi totalita' dei piani a banda larga in Australia presenta un'importante differenza rispetto a quelli italiani, ovvero un limite mensile al download di dati. E cosa succede se si raggiunge quel limite? Generalmente, la velocita' viene drasticamente ridotta fino alla fine del mese. Vedremo di sopravvivere lo stesso…

Tags: , ,
6 commenti

1° anniversario

Postato martedì 2 ottobre 2007 alle 17:12 da Lucio.  Stampa.
Categoria: Informazioni.

Esattamente un anno fa, il 2 Ottobre 2006, tre ragazzi di Verona, Lucio, Manuel e Riccardo, dopo mesi di preparativi e attesa, mettevano finalmente piede sul suolo australiano per iniziare una fantastica esperienza. A quel tempo per loro non c'erano sicurezze, tranne le prime tre notti prenotate in ostello, e l'avventura era ancora tutta da vivere. Molte cose sono cambiate da allora.

Per prima cosa i protagonisti si sono ridotti a due, dato che Riccardo lo scorso Aprile ha concluso la sua parentesi down under per inseguire altri traguardi in Italia. Io e Manuel invece abbiamo resistito e dato ancora fiducia a questa citta', Sydney, che ci ripaga ogni giorno generosamente.

L'inizio e' stata, come in tutte le storie d'amore che si rispettino, la parte piu' bella ed avvincente: cercare una casa prima e un lavoro poi, la sopravvivenza domestica, le mille e piu' conoscenze in giro, la scuola di inglese, la scoperta della citta' e dei suoi divertimenti, Natale e Capodanno in maniche corte. Ogni cosa era da scoprire. Adesso com'e' normale le forti sensazioni sono mitigate, l'eccitazione e l'incertezza hanno lasciato spazio all'esperienza e alla consapevolezza.

Consapevolezza che, nonostante tutto, dopo tutti i treni e gli autobus notturni presi, dopo tutti i drinks del fine settimana, dopo tutti i piattini di sushi mangiati, dopo tutte le feste e i party, dopo un intero anno, tutto e' ancora com'era all'inizio, forse meglio.

Tags: , , ,
12 commenti

Pagina 2 di 2:12